Chiamaci al (+39) 3483854930

#DIRITTIALFUTUROTOUR

I giovani di Radio Kreattiva voce del tour del Garante Nazionale per l'infanzia e l'adolescenza. (i podcast e lo storytelling su tour.garanteinfanzia.org) Dieci tappe in giro per l’Italia in cerca di «buone pratiche» per far girare informazioni, energia, speranza. Per ascoltare e confrontarsi. Per coinvolgere giovani, operatori, genitori e tutta l’Italia che fa e vuole fare. “Noi andiamo a vedere chi opera sul territorio”, spiega Vincenzo Spadafora, garante per l’infanzia e l’adolescenza, l’Autorità di garanzia che si occupa di chi ha meno di 18 anni. “Dal 15 febbraio a fine marzo andremo in molte regioni italiane, anche per mettere sotto i riflettori storie in positivo che difficilmente trovano spazio sui giornali e in tv. E’ insomma un tour di buone notizie”. Titolo della nuova iniziativa dell’Authority è Diritti al futuro. Una piccola grande Italia da raccontare, perché sono migliaia le persone che ogni giorno si danno da fare, supplendo spesso ai vuoti lasciati da politiche sociali insufficienti. A raccontarle dal vivo sono stati invitati i giovani di Radio Kreattiva, la realtà web nata a Bari dall'omonima Associazione Kreattiva, realtà impegnata in progetti per l'educazione e la partecipazione dei minori. Il progetto Radio Kreattiva è, fra gli altri, diventato modello di riferimento a livello nazionale per la combinazione tra nuovi media, giovani e cittadinanza attiva. Quattromila sono gli studenti che il progetto Radio Kreattiva, dal 2005 al 2014, ha formato ed educato all'utilizzo consapevole e creativo dei nuovi media e alla cittadinanza attiva e fra questi saranno 10 coloro i quali racconteranno -con i loro linguaggi e su un blog linkabile dal sito tour.garanteinfanzia.org- il viaggio di “Diritti al futuro” tra bambini, adolescenti, associazioni e buone pratiche. Le dieci realtà che il tour toccherà sono da questo punto di vista rappresentative delle molte sparse in Italia. A Napoli, il 19 febbraio, ci sarà la visita all'Istituto penale per minorenni dove il garante incontrerà il gruppo impegnato nel “Laboratorio della Politica”. Ci sarà inoltre l'incontro con i ragazzi impegnati nel progetto “Parco letterario Nisida”. A Milano, il 21 febbraio, la visita riguarderà lo spazio giallo della casa di reclusione Opera dove i bambini possono incontrare i papà detenuti. Seguirà la visita all'ICAM. Poi ancora Rimini, il 24 febbraio, dove si parlerà di libri e letteratura con i protagonisti di “ Mare di Libri- Festival dei ragazzi che Leggono”. A Torino, il 4 marzo, si parlerà invece di integrazione scolastica e si terrà l'incontro istituzionale con Fassino, Presidente ANCI. La casa famiglia “Rò la formichina”, ospiterà invece il tour durante la tappa a Santa Venerina il 10 marzo, con i ragazzi che hanno fatto l'esperienza del carcere ed ora si stanno impegnando in un percorso per il reinserimento sociale. A Scalea, il 18 marzo, ci sarà la visita presso il Centro Fuoriclasse e Punto Luce di Save the Children Italia. La terzultima tappa sarà Conegliano, dove i ragazzi e le ragazze con problemi di abuso e dipendenza vengono recuperati nel Centro per le Dipendenze Giovanili. Infine a Senigallia, il 24 marzo, si parlerà di città sostenibili e laboratori di progettazione urbanistica partecipata con i minisindaci.La violenza “assistita”, sarà il tema dell'ultima tappa a Roma, il 26 marzo, dove si parlerà con i figli che hanno vissuto in comunità con mamme abusate o mamme teen.

Fuoriclasse

Fuoriclasse è un progetto biennale promosso da Save the Children Italia Onlus che si avvale della collaborazione dell’Associazione Kreattiva e della Cooperativa Sociale E.D.I Onlus, che ha come obiettivo generale il contrasto del fenomeno della dispersione scolastica agendo in maniera preventiva con interventi sia in ambito scolastico che extrascolastico. Si intende promuovere attività educative nelle scuole primarie e secondarie sui temi del diritto allo studio, legalità, cittadinanza responsabile e consapevole, centrate sulla partecipazione attiva dei bambini/e e adolescenti; promuovere attività che rafforzino nei ragazzi/e e nelle loro famiglie, il valore della scuola come agenzia educativa in termini di progettualità futura.

Urban Street

Azioni integrate rivolte ai giovani del territorio finalizzate a migliorare la condizione socio-culturale del quartiere Murat – San Nicola attraverso l’erogazione di servizi e percorsi di integrazione dedicate ai giovani e alle fasce deboli. Intende, altresì, rivalutare e valorizzare il territorio di riferimento e prevenire e ridurre i comportamenti e le tendenze devianti dei giovani.

Progetto L.I.M.E.S.

Il Progetto FEI – L.I.M.E.S ha come obiettivo generale l’integrazione attiva dei cittadini stranieri delle 2nde generazioni e dei minori immigrati non accompagnati e/o che hanno compiuto la maggiore età. Si intende inoltre promuovere una cultura dell’inclusione che, partendo dai più piccoli, permetta una crescita di tutta la comunità locale.

Radio Kreattiva

RadioKreattiva è il progetto di educazione alla legalità e promozione dell’antimafia sociale che risulta essere “storico” dell’Associazione Kreattiva. Partito nel 2005 dai vicoli della Città Vecchia di Bari utilizzando un computer, un microfono e due casse, è conosciuto oggi come la web radio antimafia – supportata dall’Agenzia per la lotta non repressiva alla criminalità organizzata del Comune di Bari – che coinvolge annualmente circa 600 studenti e studentesse divisi in redazioni territoriali presenti in ogni scuola media della Città di Bari.

Crescere al Sud

Consiste nel realizzare un percorso di sensibilizzazione e cittadinanza attiva che porti i ragazzi e le ragazze che risiedono nelle regioni del Sud Italia a riflettere sulle opportunità e difficoltà di vivere al Sud, attivandosi in prima persona per analizzarne gli aspetti positivi e le criticità, realizzando un’inchiesta sulle tematiche di interesse di della rete Crescere al Sud.

San Paolo Social Network

San Paolo Social Network è un progetto biennale di sviluppo territoriale pensato come un insieme integrato di azioni rivolte agli abitanti del Quartiere San Paolo, partito nel 2011 e finanziato da Fondazione Con il Sud con il coordinamento della Cooperativa Sociale Esedra.

Be Sociable, Share!